Sei il benvenuto, in questo blog troverai numerosi documentari che hanno come unico scopo la ricerca della verità. Ti invito a consultarli liberamente ed a commentarli: buona visione.
Attenzione: i documentari proposti in streaming sono sempre attivi, se alcuni risultassero invece non attivi, non funzionanti o del tutto invisibili potrebbe essere necessario cambiare i DNS, per sapere come fare clicca qui sotto.

Per vedere i documentari con la pubblicità basta cliccare su "Close ad and continue as Free User" e poi su "Start the video" chiudendo i pop-up che si apriranno. Sono certo che capirete che questo mi permette di mantenere i video on-line gratuitamente. Consiglio l'uso del componente aggiuntivo Adblock Plus o similare che vi permetterà di togliere automaticamente tutta la pubblicità. I documentari sono tutti disponibili per il download gratuito, basta cliccare sul pulsante.

lunedì 22 dicembre 2014

The Internet's Own Boy - La Storia Di Aaron Swartz

Aaron Swartz rappresenta una personalità per chi si intende ed ha molto a che fare con il mondo di internet e non solo, ma per i più è un ragazzo probabilmente (e purtroppo) sconosciuto. Nato a Chicago nel 1986 già da giovanissimo è uno dei co-autori della specifica RSS e delle licenze Creative Commons utilizzate tutt’ora anche dal mio blog e si dedica poi al sito Reddit (tutt’ora vivo e vegeto). Inizia poi a dedicarsi sempre più alla libertà di espressione su internet e ne fa la sua nuova ragione di vita diventando un personaggio sempre più scomodo per il Congresso degli Stati Uniti. Lotta contro la SOPA, legge contro la violazione del copyright, proponendo invece l’idea che qualunque forma di ingabbiamento della cultura sia un sopruso contro l’umanità stessa. Nel 2011 viene accusato di avere diffuso documenti digitali di proprietà di una biblioteca digitale online ed inizia una persecuzione nei suoi confronti che finirà con il ritrovamento del suo corpo senza vita nel suo appartamento di New York. Assieme a lui è morto un pezzo di quella libertà che appartiene a tutti noi: il diritto di potere accedere liberamente, senza discriminazioni ti alcun tipo e senza vincoli economici, alla cultura.


0 commenti:

Posta un commento